umbanda_ponto   Da Zelio de Moraes ai giorni nostri

Introdurre l'Umbanda senza parlare di Zelio de Moraes è praticamente impossibile. Zelio de Moraes infatti va considerato come il primo fondatore dell'Umbanda, che riuscì a coniugare armoniosamente le tradizioni religiose ancestrali africane con lo spiritismo europeo, la spiritualità indiana e con le dottrine orientali, dando origine ad un culto in continua espansione.
Zélio Fernandino de Moraes nacque il 10 aprile del 1891 nel distretto di Neves, Município de São Gonçalo - Rio de Janeiro.
All'età di diciassette anni, in procinto di servire le forze armate per entrare nella marina militare, gli capitò un fatto curioso: iniziò a parlare con un tono tranquillo ed un accento assolutamente estraneo al suo modo di esprimersi, sembrando un uomo di età differente. Inizialmente i suoi genitori pensarono si trattasse di un disturbo nervoso: preoccupatissimi provvedettero a tutte le indagini del caso, facendolo visitare da differenti specialisti. Lo zio del giovane Zelio, chiamato affettuosamente Zezinho, il dott. Epaminonda de Moraes, a quell'epoca era un'autorità nel campo psichiatrico, ma non ravvedendo nel nipote nessun sintomo presente nella letteratura medica ufficiale consigliò alla sorella di portare il nipote da un prete esorcista.
Era convinto che il ragazzo fosse posseduto dal demonio: nulla di più lontano dal vero. Il rituale venne comunque eseguito, ma a questo non seguì nessun miglioramento. Anzi, poco tempo dopo il ragazzo si ammalò di una strana paralisi, anche questa impossibile da curare secondo la medicina ufficiale.
Dopo qualche tempo di infermità, Zelio, un bel giorno, alzandosi come poteva dal suo giaciglio preannunciò la sua guarigione:"Domani sarò guarito", disse. E così fu. Il giorno seguente si alzò e tornò a camminare. Nessun medico potè spiegare razionalmente il fatto.
I genitori lo portarono da una guaritrice, Dona Candida, figura abbastanza conosciuta nella regione in cui abitava. Dona Candida incorporava, in stato di trance, lo spirito di un Preto Velho chiamato Tio Antonio: era lo spirito di un africano defunto che aveva vissuto ai tempi della schiavitù.
Tio Antonio accolse il ragazzo, recitò alcune orazioni su di lui e dichiarò che il ragazzo aveva una forte medianità e che avrebbe dovuto metterla a disposizione del prossimo in un'opera di assoluta carità.
Il padre di Zelio, Joaquim Fernandino Costa, nonostante non frequentasse i centri di spiritismo Kardecista, che tanto successo riscuotevano nel Brasile del secolo scorso, aveva una buona conoscenza della letteratura di Allan Kardek e credeva fermamente nei suoi insegnamenti. Per suggerimento di un amico paterno, il 15 novembre del 1908, Zelio fu portato ad una riunione spiritistica a Niteroi. Ad un certo punto della sessione, contro tutte le regole, Zelio si erse nella sala e iniziò a parlare. Non era più la sua voce quella che usciva dalle sue labbra, ma quella di uno spirito indio, un Caboclo.
Simultaneamente nella sala altri medium iniziarono ad incorporare spiriti di vecchi schiavi neri e di altri caboclos. Lo spiritismo di Kardek, allora, non aveva una buona opinione delle entità indigene, considerandole inferiori o comunque poco utili, in quanto prive di cultura. Il direttore della sessione cercò di riportare l'ordine, desiderava assolutamente allontanare quell'entità a suo giudizio così poco evoluta e culturalmente bassa, ma questa, tramite le labbra di Zelios,  pronunciò queste parole:

"Giudicate poco evoluti gli spiriti di neri e indios, ma vi anticipo che domani sarò nel corpo di questo mio medium per dare inizio ad un culto nuovo, in cui questi neri e indios potranno trasmettere i loro messaggi e compiere così la missione che gli è stata impartita dai piani superiori. Sarà una religione che parlerà agli umili, simbolizzando l'uguaglianza che deve esistere tra tutti i fratelli, incarnati e disincarnati. E se volete sapere il mio nome...che sia questo: Caboclo dei Sette Incroci (Das Sete Encruzilhadas), perchè non ci sarà cammino chiuso per me."

Il giorno 16 Novembre del 1908, alle ore 20.00 il Caboclo Das Sete Encruzilhadas tornò dettando le basi del nuovo culto, predicando la carità coniugandola con le varie tradizioni spirituali presenti nel territorio brasiliano, senza barriere di età, cultura, razza, alla luce degli insegnamenti di Cristo.
Nasceva l'Umbanda. Quel giorno cambiò la storia di un paese: gli antichi Orixàs africani diedero la mano ai Caboclos dell'Amazonia e sorrisero nella luce di Oxalà a Gesù Cristo, con l'intervento meraviglioso di tutti quegli spiriti evoluti che portarono il messaggio degli dèi agli uomini in un'ottica di comunione, di responsabilità e fraterna carità.


caboclo7encruzilhadas


Ancora oggi il messaggio di Zelio è vivo e presente. Nonostante molti continuino a considerare le tradizioni Afrobrasiliane un'accozzaglia di superstizione e di magia nera, il potere degli Orixàs e la forza di quelle Anime Evolute che attuano in questa corrente spirituale brilla ogni giorno di più. Il fatto stesso che state leggendo queste parole in italiano dimostra quanta strada abbiano fatto. Dall'Africa al Brasile e all'America Latina, da lì all'Europa ed al resto del Mondo, perchè come disse quel giorno il Caboclo Sete Encruzilhadas, "non ci saranno impedimenti per me e le strade saranno aperte, per portare a tutti il messaggio consolante, vivo e luminoso degli Orixàs."

buzio1
Home page